Masiero

nasce nel 2000 sulle colline trissinesi. Un anfiteatro naturale, esposto a sud-est, accoglie i vigneti ad un’altitudine di circa 400 m. Su terreno di origine vulcanica si coltivano uve Merlot e Pinot nero con metodo biodinamico moderno, scelta nata dalla volontà di rispettare la natura, rinunciando ad ogni possibile intervento chimico che possa alterare la peculiarità del microclima o distruggere la vita del suolo.
Nel 2014 è iniziato un progetto di recupero di vecchie vigne di Garganega, Pinot grigio, Tai, Chardonnay, Merlot e Cabernet Franc a Sant’Urbano di Montecchio Maggiore.

sito web